picker

Select Your Style

Choose your layout

Color scheme

L’ECOGRAFIA COS’E’?

L’ecografia è uno degli strumenti più usato ed affidabile nella diagnostica.
Lo strumento ecografico non utilizza ioni e radiazioni, ma onde sonore ad alta frequenza. Con l’ecografia viene selezionata l’immagine della sezione corporea interessata ed utile all’esame. La sezione corporea, oggetto dell’esame diagnostico, viene evidenziata grazie all’utilizzo di ultrasuoni emessi da una sonda che attraversando i tessuti, restituiscono l’immagine voluta o necessaria per il referto. I vasi sanguigni sono evidenziati mediante l’utilizzo dell’Eco Doppler, una sorta di strumento sonar. L’ecografia permette di valutare una regione corporea in esame valutandone le dimensioni, la struttura e gli aspetti morfologici. E’ possibile verificare il flusso del sangue nei vasi, ma non è possibile individuare il funzionamento dei singoli organi.

COS’E’ L’ECOGRAFIA PEDIATRICA?

L’ecografia rappresenta una delle metodiche più agevoli, affidabili e non invasive nello studio delle malattie pediatriche. La sua rapidità di esecuzione, l’accessibilità e l’assenza di qualsiasi tipo di radiazione, ne fanno quindi, uno strumento particolarmente consigliato per l’approccio diagnostico e preventivo per molte tipologie di patologie nei bambini, lattanti e neonati. Nei bambini l’ecografia ha il ruolo di individuare immediatamente la presenza di morfologie, anomalie e di attivare preventivamente azioni terapeutiche.

 

INDICAZIONI

L’esame non è invasivo, si svolge con relativa velocità e può avere una durata che può variare a seconda della partecipazione del bambino e dell’esame diagnostico. L’operatore applicherà sulla pelle un gel utile alla trasmissione degli ultrasuoni.
Il bambino non dovrebbe riscontrare nessun dolore o fastidio, tranne se la zona interessata non fosse infiammata o particolarmente irritata. E’ sempre richiesta la presenza di un genitore. Al temine della diagnosi che avviene in tempo reale, il medico consegna un referto con la diagnosi.

CONSIGLI PER COME PREPARARSI AD UN ESAME DIAGNOSTICO ECOGRAFICO

Nel caso di un esame ecografico alle vie biliari o all’addome, il bambino deve presentarsi a digiuno. Uno stomaco pieno impedisce la valutazione completa e corretta di alcuni organi, quali: colecisti, fegato e pancreas.
I neonati o lattanti, devono presentarsi all’esame dopo aver digiunato almeno 3 ore. I bambini svezzati devono rispettare un digiuno da liquidi e solidi, almeno 6 ore prima dell’esame diagnostico.
Per gli esami con ecografia diagnostica alle pelvi femminili, la vescica deve essere piena di liquidi. I bambini piccoli, non in grado di sopportare l’eventuale disagio della vescica piena, potranno essere idratati, gradualmente, durante l’esame, tramite l’utilizzo di un biberon.
In tutte le fasi dell’esame è fondamentale la presenza dei genitori. Il bambino deve restare calmo e protetto dal calore di un genitore. Un bambino troppo agitato o irrequieto potrebbe vanificare l’attendibilità dell’esame diagnostico.

L’ecografia è l’esame diagnostico per bambini maggiormente consigliato, non ha contro indicazioni, a parte la “freddezza” degli ambienti e degli strumenti. Gli specialisti con l’aiuto dei loro genitori, devono, costantemente, garantire il benessere emotivo del bambino.

GLI ESAMI DIAGNOSTICI  DISPONIBILI NEL NOSTRO CENTRO:

To Top